Blog

Alessandro Maule
  • 04 nov 2019
  • NEWS
  • 842 visualizzazioni
  • 0 commento
  • Condividi questo articolo
04 nov 2019 | NEWS
842 visualizzazioni | 0 commento
Alessandro Maule

La Giunta regionale ha dato il via libera all’apertura di altri 15 chilometri della Superstrada Pedemontana Veneta, che avverrà all’inizio del 2020. Si tratta del percorso che va da Malo allo svicolo con la A31, raccordandosi con quanto già in esercizio. Inoltre verrà aperto anche il casello di Breganze. In questo modo si potrà entrare in Pedemontana a Malo, oltrepassare la A31 o svincolare sulla stessa, arrivare sino al casello di Breganze e uscire sulla strada provinciale "Gasparona" e viceversa.

 

La decisione è stata assunta alla luce del fatto che il Concessionario dell’opera ha comunicato la possibilità di poter aprire al traffico una nuova tratta funzionale di Pedemontana all’inizio del nuovo anno. La Giunta veneta ha contestualmente approvato la bozza di contratto relativo, nella quale, in analogia con quanto concordato per la prima tratta aperta il 3 giugno, si stabilisce che non vi saranno costi per la Regione. Anche questa volta, infatti, il canone di disponibilità sarà pari al ricavo da pedaggio.

 

«Si andrà da Malo a Breganze in 7-8 minuti - dice il Presidente della Regione Luca Zaia - percorrendo circa 15 km in totale, che aggiungono un importante tassello al completamento della più grande infrastruttura viaria in costruzione oggi in Italia. Sin dall’inizio avevamo preso l’impegno di aprire singoli tratti di questa grande realizzazione mano a mano che fossero stati completati e stiamo mantenendo la promessa, nonostante vari tentativi di metterci il bastone tra le ruote».


Autore: Il Giornale di Vicenza - https://www.ilgiornaledivicenza.it/home/veneto/pedemontana-apre-nuovo-tratto-malo-thiene-1.7749454

Centro Casa Schio
  • 01 nov 2019
  • NEWS
  • 312 visualizzazioni
  • 0 commento
  • Condividi questo articolo
01 nov 2019 | NEWS
312 visualizzazioni | 0 commento
Centro Casa Schio

Se stai cercando casa da un po’ di tempo è possibile che tu ti sia imbattuto in agenti immobiliari poco preparati e competenti o in persone che nemmeno sapevano cosa stavano facendo perché erano alle prime armi.


Questa cosa ti avrà fatto sentire frustrato e abbandonato a te stesso, avrai perso un sacco di tempo  e non avrai avuto la sensazione che la persona che avevi davanti avesse un minimo a cuore i tuoi interessi.


Se sei stato fortunato uno o due agenti immobiliari in gamba li avrai trovati ma non avevano case adatte a te e quindi ti hanno abbandonato al tuo destino.


Fortunatamente non tutti gli agenti immobiliari sono uguali e qualche “mela marcia” non rappresenta l’intera categoria.


L’acquisto della casa è un passo importante e per affrontarlo al meglio è fondamentale avere al tuo fianco un professionista che ti aiuti e ti dia supporto.


Come si trova casa, di solito?


Si cerca sui portali specializzati e sui siti delle varie agenzie immobiliari, si fissano vari appuntamenti e si vanno a vedere le varie proposte.


Questo è il sistema sbagliato, anche se tu non puoi saperlo perché: “le case si comprano così” e qualsiasi persona a cui hai chiesto aiuto ti ha dato lo stesso consiglio.


Qual è la cosa più importante che dovrebbe fare per te un agente immobiliare?


1- Farti risparmiare tempo


2- Farti comprare casa al giusto prezzo


3- Stare al tuo fianco fino alla stipula del contratto dal notaio, per risolvere quei piccoli e inevitabili problemi che ci saranno.


Se hai trovato un agente immobiliare che vuole tirati nella schiena una casa qualsiasi da quelle che ha in carico lo riconosci subito perché alla tua domanda: vorrei vedere quella casa che ho trovato sul suo sito scatta come un ghepardo a prendere le chiavi oppure telefona al proprietario di casa per fartela vedere il prima possibile.


Il passo successivo che compierà sarà quello di farti vedere tutte le case simili a quella che hai chiesto di vedere per prima


Se non hai comprato niente proverà a farti vedere qualsiasi cosa abbia 4 mura ed un tetto, anche a 10 chilometri di distanza da dove vorresti abitare, nella speranza che ti piaccia qualcosa e tu faccia una proposta.


Mentre vedi le case con lui cercherà di convincerti che quella che stai vedendo è la miglior soluzione possibile per te.


La domanda che dovrebbe sorgerti spontanea, dopo 10 case viste, è questa: come è possibile che abbiamo visto 10 case completamente diverse fra loro ma ognuna era la soluzione ideale per me?


Se ancora non compri nulla ti abbandonerà e smetterà perfino di risponderti al telefono, come una fidanzata arrabbiata per un tradimento, fino a che il tuo nome non uscirà accanto ad una casa nuova che qualcuno gli ha chiesto di vendere.


Mai una domanda, mai una richiesta di un parere, mai una chiacchierata per capire le tue reali esigenze e i tuoi desideri.


Ecco come, secondo me, dovrebbe lavorare un agente immobiliare.


1- Fissa un appuntamento, se ti fa piacere a casa tua, per conoscere te e la tua famiglia, capire le vostre esigenze e i vostri desideri.


2- In pochi giorni fa un’analisi delle case che sono in vendita in quel momento per capire se può aiutarti e, se non può, rinuncia all’incarico.


3- Se decidete insieme che lui è la soluzione adatta per te e la tua famiglia ti chiede un incarico di ricerca, che durerà almeno 30 giorni, con la possibilità di disdirlo o rinnovarlo solo se ti trovi bene.


4- Fare una selezione delle case in vendita per farti vedere solamente 2 o 3 proposte mirate


5- Se nessuna delle case in vendita ti soddisfa cerca di capire se ha capito male lui le tue esigenze o se, guardando le case, hai deciso che alcuni aspetti sono più importanti di altri.


6- Cerca al posto tuo la casa che soddisfi le caratteristiche per te fondamentali e la cerca chiedendo:

ad altre agenzie immobiliari;

a professionisti del settore come: architetti, geometri, amministratori di condominio, ecc;

direttamente nella zona un cui ti piacerebbe abitare per trovare quelle case che i proprietari stanno pensando di vendere ma non hanno ancora deciso definitivamente.


7- Ti accompagna a visitare le case


8- Effettua, per la casa che ti piace, tutte le verifiche necessarie a fare in modo che tu non abbia brutte sorprese quando sei davanti al notaio


9- Controlla i prezzi delle case vendute di recente e delle case in vendita in modo da consigliarti sul prezzo da offrire, in modo che sia interessante per il venditore ma ti consenta di comprare al giusto prezzo.


10- Ti aiuta nella sottoscrizione di una proposta di acquisto che tenga conto delle tue esigenze e ti tuteli al 100%


11- Porta avanti la trattativa con l’agenzia che ha in vendita la casa o direttamente con il proprietario, sempre nel tuo interesse.


12- Raccoglie tutta la documentazione che serve per la firma del compromesso


13- Segue la compravendita fino alla stipula del contratto ed è accanto a te davanti al notaio.


14- Ti aiuta nel disbrigo delle pratiche burocratiche dopo la vendita o nel trovare un tecnico e un’impresa edile se la casa ha bisogno di lavori di manutenzione.


Se vuoi essere tu a scegliere la persona che sarà al tuo fianco nell’acquisto più importante della tua vita questo è l’agente immobiliare che devi cercare.


Se continui a cercare case non scegli il consulente ma lo subisci, se ti va bene così continua pure a fare come tutte le altre persone che stanno cercando casa in questo momento.


Staff Centro Casa 

Alessandro Maule
  • 16 ott 2019
  • NEWS
  • 851 visualizzazioni
  • 0 commento
  • Condividi questo articolo
16 ott 2019 | NEWS
851 visualizzazioni | 0 commento
Alessandro Maule

La stretta partirà a fine novembre ed è stata inserita in un programma triennale di rilancio del turismo.


Un piano in dieci punti per rendere Vicenza sempre più meta turistica. È quello elaborato e sottoscritto da Confcommercio e Comune, che ha stanziato un primo fondo di 20 mila euro, e che delinea la strategia turistica della città del prossimo triennio. L’obiettivo è imprimere un cambio di marcia qualitativo «per offrire un’esperienza affascinante a chi visita la nostra città e la nostra provincia,  superando i campanilismi», e quantitativo «aumentando arrivi ma anche pernottamenti». L'impegno e su più direttrici: offerta e promozione, ma anche controlli contro l'abusivismo. Energie saranno infatti dedicate alla caccia ai furbetti.


L'occasione arriva con la recente legge regionale che ha imposto alle strutture turistico-ricettive di dotarsi di un codice identificativo. La richiesta va presentata in Regione entro il 19 novembre, dopodiché scatteranno i controlli. Con Ascom e Comune alleati, grazie ad un accordo specifico «il primo in Veneto», precisa Sergio Rebecca, presidente di Confcommercio. Ascom si occuperà di incrociare l'elenco delle strutture dotate di codice le realtà presenti sul mercato turistico per individuare quelle che ne sono sprovviste. La lista dei furbetti sarà trasmessa al Comune, che avvierà i controlli. E le sanzioni possono arrivare a 5 mila euro.


A rischiare è più di qualcuno. Secondo uno studio fornito quest'estate da “onData" a Il Sole 24 ore, a fronte di 1.252 case disponibili su uno dei siti più noti per gli affitti brevi, sono 726 quelle iscritte al registro "Alloggiati web” della polizia di Stato, che invierà al fisco i dati. Il che significa che 526 annunci sono nascosti all'Agenzia delle entrate. Ma il sommerso potrebbe essere anche di più. «Avremo uno scenario più completo appena la Regione diffonderà gli elenchi delle strutture che hanno richiesto il codice - spiegano Rebecca e il direttore Ascom Ernesto Boschiero -. Di certo l'abusivismo è diffuso anche da noi, con strutture che non rispettano la normativa e che non versano l'imposta di soggiorno».  Al tavolo per l'accordo si è seduto anche l'assessore alla attività produttive Silvio Giovine: «E’ importante combattere questo fenomeno, individuando chi non rispetta ai danni del comparto. Saremo area test».


Non solo pugno duro, però. Il protocollo d'intesa turismo 2019-2021 presentato ieri parte infatti dalle proposte. «Non è un libro dei sogni - sottolinea Giovine - gran parte di queste idee potranno essere realizzate a breve». Si parla di percorsi turistici specifici, in centro e fuori dalle mura, anche con mezzi pubblici dedicati («meglio se elettrici», spiega Rebecca), potenziamento della comunicazione web, Internet gratuito nelle zone commerciali e turistiche, ma anche un tour virtuale dei principali monumenti, eventi, un'area camper («attrezzatando uno spazio con scarichi, elettricità e acqua nei parcheggi Cricoli e Bassano», anticipa Giovine).


In vista anche l'utilizzo delle vetrine dei negozi sfitti come spazi di promozione delle iniziative e agevolazioni fiscali per chi affitta a canone ridotto i negozi vuoti. Priorità inoltre agli eventi, tra cui la riproposta fino al 2023 del ciclo di concerti di settembre "Vicenza in Festival”. Torna infine "La spesa che non pesa" con la possibilità di fare shopping in centro e farsi recapitare gli acquisti al parking Fogazzaro.


Autore: Alessia Zorzan per Il Giornale di Vicenza

Marco Dall'Igna
  • 09 ott 2019
  • NEWS
  • 817 visualizzazioni
  • 0 commento
  • Condividi questo articolo
09 ott 2019 | NEWS
817 visualizzazioni | 0 commento
Marco Dall'Igna

Il Comune di Schio incassa un altro riconoscimento portando a casa, per la sezione “VERDE URBANO” nella categoria dei comuni tra i 15.000 e i 50.000 abitanti, il Premio “La Città per il Verde”, istituito dalla casa editrice Il Verde Editoriale. Si tratta dell’unico riconoscimento nazionale assegnato ai Comuni italiani che si sono particolarmente distinti per realizzazioni finalizzate all’incremento del patrimonio verde pubblico o abbiano, attraverso programmi mirati, migliorato le condizioni ambientali del proprio territorio. Attraverso il Premio che è alla sua 20^ edizione, Il Verde Editoriale di Milano, la  casa editrice che da 35 anni pubblica ACER, la rivista tecnico-scientifica dedicata ai professionisti del verde e del paesaggio, vuole continuare nella sua missione di far emergere le migliori realizzazioni a servizio del benessere della collettività.


 Il Comune di Schio ha partecipato presentando una serie di interventi realizzati nelle seguenti aree tematiche:

o    Verde Urbano e paesaggio (parchi, piazze e spazi urbani e nelle aree di gioco per i bambini)

o    Verde degli Enti Pubblici e delle strutture private a finalità pubblica: Verde della Cultura (scuole, università, biblioteche, ecc.) e Interventi per la valorizzazione e riqualificazione dei giardini storici.


Tra le opere, la ricomposizione botanica e il ripristino dei percorsi pedonali del Giardino Jacquard, la riqualificazione del Parco Robinson, la sistemazione dell’area esterna al Faber Box, la realizzazione del Parco Inclusivo a Magrè, il parco giochi di Rio di Giavenale e gli interventi di arredo urbano.

 “Quando vengono realizzati, gli interventi sembrano spesso puntuali, ognuno preso a sé stante” dichiara il sindaco Valter Orsi “ma quando li mettiamo insieme e li guardiamo, per così dire, “dall’alto” è evidente  che fanno parte di un un disegno più ampio e organico. Il merito reso alla nostra città testimonia l’attenzione che abbiamo verso il verde e l’ambiente, tanto da poter competere con comuni più grossi che hanno maggiori capacità di investimento. Siamo quindi orgogliosi di questo riconoscimento”.

“Rendere note le scelte che facciamo per la città, anche in questo ambito e attraverso questi “concorsi”, ci permette di confrontarci con altri enti e avere un riscontro sulle strade che stiamo percorrendo, nella ricerca di eccellenza, efficienza, benessere” aggiunge l’assessore all’Ambiente Alessandro Maculan.

 “La Città per il Verde” ha come partner istituzionali Ecomondo, PadovaFiere e l’associazione Touring Club Italiano ed è patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dalla Regione Lombardia (Direzione Generale Ambiente e Clima), dal CONAF (Consiglio Nazionale dell’Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali), da Legautonomie della Lombardia (Associazione autonomie locali Lombardia), da Assobioplastiche, dal Consorzio Italiano Compostatori.

Il Premio è inoltre sostenuto dalle seguenti associazioni di settore: AIAPP (Associazione italiana per l’architettura del paesaggio), AICu (Associazione italiana curatori di parchi, giardini e orti botanici), AIDTPG (Associazione italiana direttori e tecnici pubblici giardini), AIPIN (Associazione italiana per l’ingegneria naturalistica), AIVEP (Associazione italiana verde pensile), ASSOVERDE (Associazione italiana costruttori del verde), ITALIA NOSTRA, APGI (Associazione Parchi e Giardini d’Italia) e ReGiS (Rete dei Giardini Storici).

La cerimonia di assegnazione del Premio “La Città per il Verde” si terrà venerdì 25 ottobre 2019 a Milano presso Palazzo del Cinema Anteo, Sala Astra.

 

Autore: altovicentinonline.it - https://www.altovicentinonline.it/schio-e-dintorni/schio-incassa-il-premio-nazionale-la-citta-per-il-verde/

Marco Dall'Igna
  • 03 ott 2019
  • NEWS
  • 818 visualizzazioni
  • 0 commento
  • Condividi questo articolo
03 ott 2019 | NEWS
818 visualizzazioni | 0 commento
Marco Dall'Igna

Il mutuo 100% è, come si può facilmente intuire, un mutuo che viene concesso sull’intero valore dell’immobile, a differenza di quelli ordinariamente previsti, che lo commisurano all’80% dello stesso, chiedendo il 20% in anticipo. L’erogazione di questo mutuo è subordinata alla concessione da parte del richiedente di garanzie molto solide, anche dal punto di vista reddituale. Concesso preferibilmente a giovani di età inferiore in genere ai 40 anni, il mutuo 100% può essere coperto anche, in presenza dei requisiti richiesti dalla legge, dal Fondo di Garanzia Prima Casa gestito dalla Consap, sul cui sito ufficiale è possibile trovare l’elenco delle banche che concedono questo finanziamento.

 

Mutuo 100%, le caratteristiche

Il mutuo 100%, a differenza di quelli ordinariamente erogati dalle banche sull’80% del valore dell’immobile, viene riconosciuto sull’intero valore dell’immobile.
Di solito infatti le banche concedono il finanziamento al richiedente sull’80% del valore dell’immobile richiedendo il restante 20% in anticipo. Nel caso del mutuo 100% invece il mutuo viene riconosciuto per coprire tutto il valore dell’immobile.


Garanzie integrative

Il mutuo 100%, a fronte del finanziamento dell’intero importo necessario all’acquisto dell’immobile chiede, a copertura del residuo 20% che non viene chiesto in anticipo, delle garanzie, in genere rappresentate da fideiussioni assicurative o bancarie, polizze, contributi a carico dello Stato o fondi garanzia, in base a quanto stabilito naturalmente dalla Banca d’Italia. Questo mutuo quindi può essere concesso solo in presenza di garanzie solide, rappresentate principalmente da valori o soggetti terzi che, in caso di difficoltà del mutuatario a restituire le rate, possono garantire al suo posto, la copertura del finanziamento.

 

Requisiti richiesti per la concessione del mutuo 100%

Chiaro insomma che il mutuo 100% viene concesso dalla banca solo quando, in caso di mancato pagamento, ha la possibilità comunque di recuperare il denaro finanziato. Le garanzie ulteriori però non sono l’unica cosa che richiede la banca. Come avviene per la concessione dei mutui destinati a coprire l’80% dell’immobile, la banca, prima di tutto, verifica la situazione reddituale del richiedente e la sua capacità di tenere fede agli impegni presi. Chiaro quindi che la banca sarà sicuramente più disposta a concedere un mutuo a chi ha un lavoro stabile con contratto a tempo indeterminato, con uno stipendio in grado di far fronte al pagamento della rata prevista dal finanziamento e che sia privo di segnalazioni negative al Crif, come cattivo pagatore.

 

Destinatari del mutuo 100%

Il mutuo 100% è destinato a soggetti in genere di età inferiore ai 40 anni e in alcuni casi addirittura a 35. Il motivo è duplice: dare la possibilità ai giovani di acquistare casa senza dover anticipare somme di cui, il più delle volte, non si ha la disponibilità e permettere alla banca, proprio per la giovane età dei richiedenti, di erogare mutui di durata superiore a quella ordinariamente prevista.

 

Fondo di garanzia prima casa

Come anticipato, le banche accettano, per coprire la parte eccedente del valore dell’immobile garanzie offerte da privati o soggetti pubblici. E’ bene sapere infatti a tale proposito che l’art 1 co 48 lett.lett. c) della Legge n. 147/2013 ha istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze il Fondo di garanzia per la prima casa, rifinanziato di recente dal Decreto Crescita n. 34/2019.


La normativa prevede la concessione in garanzia da parte del Fondo, dell’importo massimo di 250 mila euro, per chi vuole acquistare o comprare e ristrutturare per rendere l’immobile anche più efficiente dal punto di vista energetico, unità situate nel territorio nazionale da destinare ad abitazione principale. L’ente incaricato di gestire il Fondo di garanzia prima casa è la Consap, ovvero il Comitato nazionale dei Servici Pubblici, a cui la banca a cui è stato richiesto il mutuo, dovrà girare la domanda del richiedente che intende avvalersi di questa misura.

 

Autore: Casa.it - https://blog.casa.it/2019/09/23/mutuo_100_per_100/

Centro Casa Schio
  • 03 ott 2019
  • NEWS
  • 362 visualizzazioni
  • 1 commento
  • Condividi questo articolo
03 ott 2019 | NEWS
362 visualizzazioni | 1 commento
Centro Casa Schio

Paura eh? Mh, io scommetto che ti è capitato. 


Scommetto che nell’ultimo periodo hai visto almeno una casa che ti ha fatto esclamare “Che brutta che è! Dalle foto non sembrava così…” Diciamo la verità, è successo più di una volta. “Si bhè, mi hai scoperto. Alcuni appuntamenti potevo decisamente risparmiarmeli.” Già, potevi DECISAMENTE risparmiarteli. 


La buona notizia è che puoi risparmiarti i prossimi appuntamenti in cui vedresti case brutte. “Si! Ti prego, dimmi come devo fare per non vedere più case orribili e perdere tempo prezioso…” 


Uno degli step del servizio che offriampo, è proprio quello di fare una attenta selezione tra gli immobili della zona interessata, in modo che a te arrivino solo quelli che riteniamo possano soddisfare tutte le tue esigenze, o quasi tutte. È un processo non immediato, che avviene dopo una serie di altri step, tra cui un’analisi approfondita delle tue necessità e possibilità. Parliamoci chiaro: essere sicuri di mostrarti solo gli immobili che possano realmente soddisfare A PIENO le tue aspettative richiede un lavoro di precisione non da poco. 


Dobbiamo essere certi di farti arrivare una lista di immobili selezionati, e allo stesso tempo dobbiamo mostrarti tutte le possibilità che prenderesti in considerazione, senza farti correre il rischio di perdere delle opportunità interessanti, è un lavoro che richiede una precisione e un impegno non indifferenti. 


Ecco perché affidarsi ad una agenzia immobiliare “comune”, che ha da pensare a mille altre cose, deve preoccuparsi e risolvere un milione di problemi oltre al tuo, non è la decisione più saggia. Centro Casa è una soluzione a misura d’uomo, un servizio che, con le più avanzate, potenti ed innovative strategie immobiliari, ti garantisce una ricerca accurata e completa di tutti gli immobili disponibili, costantemente aggiornata, per non perderti nemmeno un’occasione. 


Vuoi che un Professionista Immobiliare si occupi della ricerca della casa che amerai? Vai su www.centrocasaschio.it e compila il form per avere una consulenza gratuita sulla tua situazione, e capire insieme se i nostri consulenti possono fare al caso tuo. Non rischi niente, è solo una chiacchierata conoscitiva in cui potrai valutare di persona la qualità dei nostri professionisti, e decidere poi con calma, insieme agli altri membri della tua famiglia, se affidarvi o meno a noi. Ricorda, vai su www.centrocasaschio.it e compila il form per ricevere gratis la consulenza. 


Per chi vuole una casa da amare, Staff Centro Casa

Marco Dall'Igna
27 set 2019 | DICONO DI NOI
371 visualizzazioni | 0 commento
Marco Dall'Igna

“Sono arrivato all’agenzia Centro Casa di Marco e Alessandro grazie alla segnalazione di un mio conoscente che aveva già avuto modo di operare con loro.
Mi raccontava che avevano un metodo tutto loro che gli permetteva di selezionare i clienti e con poche visite mirate, trovare subito un cliente interessato..è proprio questo che mi ha spinto ad andare in questa agenzia e affidargli la mia casa da vendere!! 

      
NON POTEVO ESSERE STATO CONSIGLIATO MEGLIO!! 
Dopo una valutazione attenta, approfondita e dettagliata ho deciso di affidarmi a loro!!! RISULTATO?!  DOPO POCO MENO DI UN MESE DALL’INCARICO E CON SOLE TRE VISITE MIRATE , CON LA MIA MASSIMA INCREDULITA’ , MARCO SI E’ PRESENTATO CON UNA PROPOSTA SCRITTA CHE POI HO ACCETTATO!


TI ringrazio nuovamente per la professionalità, serietà e affidabilità e come sono stato consigliato io lo farò di certo a mia volta. Hai svolto il tuo lavoro in modo serio e professionale, ascoltando le mie esigenze e trovando un giusto accordo. Sono stato molto soddisfatto.


- Tomasi Luca“

Marco Dall'Igna
27 set 2019 | DICONO DI NOI
334 visualizzazioni | 0 commento
Marco Dall'Igna

“Non conoscevamo questa agenzia prima di acquistare casa con loro.. Abbiamo da subito interagito con Marco che si occupa delle Zone dove stavamo cercando e dopo un’intervista di circa un’oretta, per capire le nostre esigenze, ci ha proposto un solo immobile che poi è stato quello che abbiamo acquistato.


Credo che ci vogliano una serie di fattori per riuscire a trovare una casa “AL PRIMO COLPO” a dei clienti che come noi cercavano da circa un anno. Di certo la fortuna è uno di questi fattori, ma con questo non voglio sminuire il loro metodo di lavoro che ho potuto constatare essere efficace per la capacità di individuare la tipologia di immobile adatto alle esigenze del cliente, evitando così visite inutili ed inevitabili perdite di tempo – Almeno così è stato per noi!!!


Ringrazio Marco per la disponibilità e la serietà con la quale ci ha seguito nella scelta dell’immobile e nel percorso a seguire, un ringraziamento anche a Laura per la sua gentilezza e collaborazione .


- Franco C. “


49 - 56 su 279 risultati | 35 pagine totali

Archivio Blog

Ultimi commenti

Newsletter