Pedemontana, è scattato il conto alla rovescia per aprire il casello ovest

Pubblicato in News il 20 ott 2020

Sono mesi decisivi per la chiusura dei lavori nel tratto bassanese della Superstrada Pedemontana Veneta. I mezzi d'opera sono in azione su più punti e la nuova strada sta già assumendo la sua forma definitiva, come dimostra l'asfaltatura posata nel tratto tra Nove e il casello di Bassano Ovest, anche questo già completato.


Restano però da risolvere ancora dei nodi nevralgici, soprattutto tra Rosà e Cassola, dove la viabilità sta subendo pesanti disagi. E non è finita. Basti pensare che, a ogni nuova apertura di tratti di strada, seguono interruzioni che ovviamente portano a nuove ripercussioni sul traffico. È il caso, ad esempio, di quanto sta accadendo a Cassola. Proprio in questi giorni è stata riaperta via Monsignor Caron e sempre nelle stesse ore è stata inserito un punto d'interruzione in via Rosà, per procedere con la costruzione di un nuovo ponte.


Il sindaco di Rosà Paolo Bordignon e il collega di Cassola sono in contatto per prevedere un soluzione che permetta perlomeno di tutelare la mobilità dolce, ad esempio con la realizzazione di una pista ciclabile. Pedoni e ciclisti sono al centro anche dei pensieri dell'Amministrazione bassanese, che sta attendendo l'apertura dei tavoli tecnici per discutere di come risolvere il problema degli attraversamenti nord-sud.


«Bisogna garantire il passaggio ciclopedonale attraverso la superstrada almeno in un punto tra Marchesane, viale De Gasperi e via Rambolina -afferma l'assessore ai lavori pubblici, Andrea Zonta - Per quanto riguarda il casello di Bassano Ovest, oramai è pronto, e nel giro di un mese dovrebbe aprire». È di questi mesi, inoltre, la riapertura a Cassola di via Andolfatto, con un sovrappasso nuovo di zecca al confine tra Romano e Mussolente. Sempre a Cassola restano ancora i dubbi circa la realizzazione di una delle principali opere compensative richieste alla Regione Veneto, e cioè il sottopasso ferroviario di via Kennedy.  «È un'opera strategica per il traffico della zona - riferisce il sindaco Maroso - Chiederemo a breve informazioni all'assessore regionale ai trasporti Elisa De Berti».


Nel vicino tratto di Mussolente, proprio in queste settimane è stata terminata la nuova rotatoria all'incrocio tra il Comune misquilese, quello di Cassola e Loda. La rotatoria insiste sulla strada 81 "Cendrole" e andrà a servire proprio il casello "Mussolente-Loria", che è già stato costruito. Una volta aperto il casello, questa nuova rotatoria sarà quindi uno snodo fondamentale.


Autore: Enrico Saretta per Il Giornale di Vicenza


Invia un commento

Acconsento al trattamento dei dati personali

MARCO DALL'IGNA

Scrivimi

 

Pagina successiva

Superbonus, c’è il team per aiutare le imprese
Newsletter